Contemporary Art @ Boğaziçi - Interview Project, 2010

Caterina Davinio



Ali Samet Durgun, B.U., durgun.samet@gmail.com

Digital poetry and videos containing only a couple of words that make people face their memories and keeping up with social media make special Caterina Davinio. One can find similarities between Bill Viola and Caterina`s work since she has poems that has slow and routine motions, unusual videos and their scripts, and electronic music. What is important for her is that the flow of emotions and portraits in people`s minds. In this way, Caterina resembles Nancy Atakan who is the owner of `And(Ve)` artwork. Creating the first virtual exhibition in Second Life and being a part of lots of Venice Biennale prove that she is a world famous artist.

Ali Samet Durgun: Internet and the technology has changed the different parts of human life. How do you think they have changed the ways of literature? 

Caterina Davinio: Yes, Internet has changed our lives on all sides. For what concerns literature, it has brought alternative fruition modalities to the book, better possibility with circulation of contents, it has pointed out the problem of a global language, and, in any case, of the translation of the texts, it has changed also the way of ”writing”, making it more “fast”, to conform it to the simultaneous and multi-located time of the Internet. Internet has offered also variegated possibilities with interactive experimentation, connective and collective creation, with a series of experiments based on communication. Internet brings into question the traditional function of an art work and of an author, and this is maybe more clear in net-art, where it brought the possibility of an art work with uncertain margins, open with links toward the outside, and the idea of a “collective author”; I think that analogous reflections could be done also in a literary context.

Sì, penso che internet abbia cambiato le nostre vite su tutti i fronti. Quanto alla letteratura, ha introdotto modalità di fruizione alternative rispetto al libro, possibilità maggiore di circolazione dei contenuti, ha posto il problema di una lingua globale e comunque della traduzione dei testi, credo che abbia cambiato anche il modo di ”scrivere”, rendendolo più “agile” per adeguarsi ai tempi simultanei e multilocati di Internet. Internet ha anche offerto possibilità variegate di sperimentazione interattiva, di creazione connettiva e collettiva, una serie di esperimenti che vedono alla base la comunicazione. Internet mette in discussione il ruolo tradizionale di opera e di autore e ciò è stato forse più evidente nella net-art, dove ha introdotto la possibilità di un’opera dai confini sfumati, aperta da link verso l’esterno e l’idea di “autore collettivo”; credo che riflessioni analoghe possano essere condotte anche in ambito letterario.

Ali Samet Durgun: Is it possible to talk about the new aesthetics for the internet based art work comparing to the traditional art aesthetics?

Caterina Davinio: The discourse could be very long and it concerns art in general. Of course, if traditional literary texts are published on line, the innovation lies only in the ubiquitariousand immediate spreading of communication. On the contrary, if we are speaking about art creations born in the net and for the net, the aesthetics, the internal logic that develops the art production, the new available materials, such as pixels, bytes, communication, have produced a radical changing in the traditional aesthetics. The works which were born in the net and for the net have indefinite borders, open toward the outside, they follow an hypertextual and hypermedia structure, they have a character “in progress”, can be open to a collective and interactive dimension and, in this way, they can connect with the discourse carried on by the avant-gardes and neo-avant-garde (performance, happening).

Il discorso sarebbe molto lungo ed investe l’arte in generale.
È evidente che se si collocano on line testi letterari di tipo tradizionale, l’innovazione consiste solo nella veicolazione ubiquitaria e immediata della comunicazione. Mentre se parliamo di prodotti artistici nati nella rete e per la rete, le estetiche, la logica interna con cui si sviluppa la produzione artistica, i nuovi materiali a disposizione, come pixel, byte, comunicazione, hanno prodotto un sovvertimento delle estetiche tradizionali. Le opere che nascono in rete per la rete hanno confini indefiniti, aperti verso l’esterno, seguono una struttura ipertestuale e ipermediale, hanno una natura in progress, possono aprirsi ad una dimensione collettiva e interattiva e in questo modo intrecciarsi al discorso delle avanguardie e della neo-avangardia (performance, happening).

Ali Samet Durgun: It is told that the technology has been seen as an obstacle for spirituality, because it is a kind of soulles materials different from human. How did you come up with the idea of net-poetry with the new media? Did you aim to stress the difference between technology and spirituality? 

Caterina Davinio: We should before agree about what we intend for spirituality. In any way our society tends toward materialism, and I believe that technology is something like a “materialistic spirituality”. Indeed, the ephemeral an immaterial character of the digital works, or of the ones based on the communication in the Internet, or in virtual environments, makes possible many reflections around the spiritual. The biosphere is now enriched with an other stratum between material and spiritual, and that is the net of connections, a “virtual” reality made of communication using new media, in which we daily move with all our contents. It physically concretizes the conceptof all the human beings united in one, where nobody is separated from the others and they become one only thing, one entity, just the net.

Penso che ci si dovrebbe mettere d’accordo su ciò che intendiamo per spiritualità. La nostra è comunque una società che tende al materialismo e credo che la tecnologia costituisca una specie di “spiritualità materialistica”. Infatti, la natura effimera e immateriale delle opere digitali o basate sulla comunicazione in Internet, o in ambienti virtuali, apre molte riflessioni sullo spirituale. La biosfera si è arricchita di uno strato ulteriore a metà tra materiale e spirituale ed è la rete di connessioni, una realtà “virtuale” di comunicazione con i nuovi media in cui ci spostiamo quotidianamente con tutti i contenuti di cui siamo capaci. Essa condensa fisicamente il concetto che tutti gli uomini possono fondersi in un unico momento in cui nessuno è separato dagli altri e diventano una cosa sola, un’entità unica, la rete, appunto.

Ali Samet Durgun: What are the elements that affect your art? A photograph, an occasion, individuals, places or new technological devices and progresses?

Caterina Davinio: My art work originates from all the things you mentioned and it expresses itself in every direction, also creating combinations and hybrid forms. It puts at the centre of attention language self, and its instruments, the “electronic matter” which is made visible by emphasizing the pixels in low resolution, or inserting elements revealing the continuous presence of the medium. In this sense it is metalinguistic art. It can start from the digital elaboration on a photo, including it in a video work and elaborating it again in this context, inserting text; or it can start from a text or from a digital graphic sign, animating them, or elaborating them visually, including it in photos or video; or it starts from a video work, extracting and elaborating frames.
The material created in this way can be projected, printed and positioned in a real space, exhibited in installations and video installations, etc. In my work everything is an occasion for experimenting new forms and processes. The technological instruments and their systems are basilar and they always interfere with the forms creating some new ones, they suggest solutions, sometimes they force me to face unexpected needs. It’s a dialogue with the machine.
Digital art on the whole, and net-art, are in my idea intrinsically based on linguistic proceedings, where the image is a trace, a testimony, more than a final product. In a dimension of conceptual art, I believe we should not intend the “work” is only what we see, but the process from which the visible work originates: the mental processes and the “intentions” of the artist, the digital proceedings (which are codified and of linguistic nature), the eventual use of verbal, visual, mathematical, language, and their intersections, connective, interactive and multimedia passages, eventual use of ready-made, interventions by other artists, etc.. This all is the work, and not only the trace that remains at the end. The same can be also for video art, which is always result from a process structured in phases. All my work around the images has in this meaning a coefficient of performance, a nature in progress. The art work is to me an engine which puts in motion virtual and real events.

La mia arte trae origine da tutte le cose che hai menzionato e si esprime su tutti i versanti, anche creando commistioni e forme ibride. Mette al centro il linguaggio stesso e i suoi strumenti, la “materia elettronica” che viene resa visibile enfatizzando il pixel con la bassa definizione o inserendo elementi rivelatori della costante presenza del mezzo. In questo senso, è un’arte metalinguistica. Può partire dall’elaborazione digitale di una fotografia, inserirla in un video e rielaborarla ancora in questo contesto, inserire del testo; oppure può partire da un testo o da una segno grafico digitale e animarli, o elaborarli visivamente, includerlo in fotografie e video; oppure partire da un video, estrarre dei fotogrammi e rielaborarli.
I materiali così prodotti possono essere proiettati, stampati e collocati nello spazio reale, esibiti in installazioni e video installazioni, ecc. Nel mio lavoro tutto è occasione per sperimentare delle forme e dei processi. Gli strumenti tecnologici e i loro procedimenti sono basilari e sempre interferiscono con le forme e ne creano di nuove, suggeriscono soluzioni, talvolta mi costringono a confrontarmi con esigenze inattese. È un dialogo con la macchina.
L’arte digitale nel suo complesso e la net-art sono per me intrinsecamente basati su dei processi linguistici, di cui l’immagine è la traccia, la testimonianza, più che un prodotto finale. In una dimensione di arte concettuale, credo che non si debba intendere per “opera” solo ciò che si vede, ma il processo da cui l’opera visibile trae origine: i processi mentali e le “intenzioni” dell’artista, i procedimenti digitali (che sono codificati e di natura linguistica), l’eventuale uso di linguaggio verbale, figurativo, matematico e loro intersezioni, passaggi connettivi, interattivi e multimediali, eventuale uso di ready-made, di interventi di altri artisti, ecc. Tutto questo è l’opera, e non solo la traccia che alla fine rimane. Lo stesso può valere anche per il video, che è sempre frutto di un procedimento strutturato per fasi. Tutto il mio lavoro sulle immagini conserva in questa accezione un coefficiente di performatività, una natura in progress. Per me l’opera è un motore che mette in moto eventi virtuali e reali.

Ali Samet Durgun: What is the meaning of Internet and technology for you? Were they in your life before your net art? Are they just the means of your art?

Caterina Davinio: Internet is not only related to my art work, but it is to me something that changed my way of communicating, of studying, of getting in contact with the others, of finding information, in one word: of living. This happened to many persons and it was more clear for my generation, which lived the passage from the old to the new. I must also say that I immediately realized the potential of the medium for artistic purposes and I started to work as net-artist in projects by other artists and mine, since 1997.

Internet non riguarda solo la mia arte ma è per me qualcosa che ha cambiato il modo di comunicare, di studiare, di relazionarmi con gli altri, di attingere informazioni, in una parola: di vivere. Questo è avvenuto per moltissime persone ed è risultato più evidente per la mia generazione, che è passata dal vecchio al nuovo. Devo anche dire che ho subito intuito le potenzialità del mezzo a fini artistici e ho cominciato a operare come net-artista dal 1997 in progetti miei e di altri artisti.

Ali Samet Durgun: You are writing novels, uniting video and poets. Currently, you are in the game, Secondlife. Your mediums are continuously changing. Where do those ideas come from? What are your plans for the following years in terms of the medium of your art?

Caterina Davinio: You are right, I used different media and I believe that every new instrument should be experienced, because actually it interacts always with languages and contents, and creates new ones of them. The new media, evolving continuously, suggest formal solutions to us, ideas, they force us to face challenges, new frontiers of language, and that is what I love doing in my work. Making art means not only using languages, but to create new ones. For this, to use new tools is essential. After the experience with hypertexts, hypermedia, multimedia, also returning to more traditional languages, like linear poetry or narrative, allows us to think differently ancient forms of expression, and to transfer the practice with new media in more traditional modalities of language, as narrative, for example. Let's say that also in writing poems and novels I try to experiment in the structure, around the word, and also in the contents. For the next years? Long live the freedom of making, by using all available media, old and new, and those who will come, maintaining an unconventional, extraniated, disturbing perspective, a subversive and off-center angle on virtual reality and even on the real one! Because the artist is the conscience of society.

Ha ragione, ho sempre usato media differenti e credo che ogni strumento nuovo debba essere sperimentato, perché in realtà interferisce sempre con i linguaggi e i contenuti, e ne crea di nuovi. I nuovi media, in continua evoluzione, ci suggeriscono soluzioni formali, idee, ci costringono ad affrontare delle sfide, nuove frontiere del linguaggio, ed è ciò che amo fare nel mio lavoro. Fare arte significa non solo usare dei linguaggi, ma crearne di nuovi. Per questo, usare nuovi strumenti è indispensabile. Anche tornare a linguaggi più tradizionali, come la poesia lineare o la narrazione, arricchiti da esperienze ipertestuali, ipermediali, multimediali, ci consente di pensare in modo diverso forme di espressione antiche, e di riversare le esperienze fatte con i nuovi media anche nelle modalità più tradizionali del linguaggio, come la narrazione, per esempio. Diciamo che anche nella scrittura di poesie e romanzi cerco di sperimentare nella struttura, intorno alla parola, e anche nei contenuti. Per i prossimi anni? Viva la libertà di fare usando tutti i media disponibili, vecchi e nuovi, e quelli che verranno, mantenendo una prospettiva non convenzionale, straniante, disturbante, un’angolazione sovversiva e fuori centro sulla realtà virtuale e anche reale! Perché l’artista è la coscienza della società.

Ali Samet Durgun: Laurie Anderson has created a song "Language is a virus from outer space", inspired by William Seward Burroughs. Do you agree with Anderson? If you do, How much does this idea affect your art?

Caterina Davinio: If language is a virus from space, even men could be disguised aliens on our planet, because language is inextricably bound with human mental processes, with the procedures of our intelligence, so that the symbolic language is what makes us different from other living beings. Language accomplishes the existence of the world and makes it "usable" for the human being. When I say language, I mean not only the poetry language or the verbal one: think of he mathematic language, of the physics one, etc., it is a very charming discourse. Language is an interface between us and the world. Beyond language, there is nothing but pure mystical contemplation of the universe.

Se il linguaggio è un virus venuto dallo spazio, anche gli uomini potrebbero essere alieni mimetizzati sul pianeta, in quanto il linguaggio si lega in modo indissolubile con i processi mentali umani, alle modalità della nostra intelligenza, al punto che è il linguaggio simbolico che ci differenzia dagli altri esseri viventi. Il linguaggio completa l’esistenza del mondo e lo rende “usabile” per l’uomo. Quando parlo di linguaggio non intendo solo linguaggio poetico o verbale: pensa al linguaggio matematico, a quello della fisica, ecc., è un argomento molto affascinante. Il linguaggio è un’interfaccia tra noi e il mondo. Oltre il linguaggio non vi è nulla se non la pura contemplazione mistica dell’universo.

Ali Samet Durgun: Internet and technology has been improving day by day. In the last 4 years the social media and web 2.0 (blogs, youtube etc.) has been gaining more popularity than ever. You are an active user of Youtube, you have your own channel. How these changes are affecting your art?

Caterina Davinio: I deeply believe in all media that can spread contents, knowledge and cultural communication in all directions, in a free and direct way. I started using YouTube and social networks even when the institutional culture considered them as an amateur tool, as a game for kids. Today respectable publishers and companies, even political parties, are using tools such as YouTube, Facebook or Second Life. These tools are important to me and noble for their capability to challenge the centers of cultural power. The power, you know, those who have it, use it, then all the horizontal communication media are what today is under attack and we must defend. All the tools we use, operate some interferences, they offer ideas, suggest new forms and methods, consequently, changes. Consider that my research, since 1990, when I left painting for using new media, was always developed on the side of horizontal communication, of alternative circuits, of simultaneity and ubiquity. The new media have increased this aspect, which was already present in my work.

Credo profondamente in tutti i media che riescono a divulgare in tutte le direzioni in modo libero e diretto contenuti, saperi e la comunicazione culturale. Ho cominciato a usare YouTube e vari social network quando ancora la cultura istituzionale li considerava uno strumento amatoriale, un gioco per ragazzini. Oggi rispettabili editori ed aziende, perfino partiti politici, si avvalgono di strumenti come YouTube, Facebook o Second Life. Per me questi strumenti sono importanti e nobilissimi per la capacità di minare i centri del potere culturale. Il potere, si sa, chi ce l’ha, lo usa, quindi tutti gli strumenti orizzontali di comunicazione sono ciò che oggi è sotto attacco e dobbiamo difendere. Tutti gli strumenti che utilizziamo operano delle interferenze, ci offrono idee, ci suggeriscono forme e modalità nuove, e quindi dei cambiamenti. Considera che la mia ricerca, fin dal 1990, anno in cui ho abbandonato la pittura per i nuovi media, si è sempre mossa sul versante della comunicazione orizzontale, dei circuiti alternativi, della simultaneità e ubiquità. I nuovi mezzi hanno incrementato questo aspetto che era già insito nel mio lavoro.

dobbiamo difendere. Tutti gli strumenti che utilizziamo operano delle interferenze, ci offrono idee, ci suggeriscono forme e modalità nuove, e quindi dei cambiamenti. Considera che la mia ricerca, fin dal 1990, anno in cui ho abbandonato la pittura per i nuovi media, si è sempre mossa sul versante della comunicazione orizzontale, dei circuiti alternativi, della simultaneità e ubiquità. I nuovi mezzi hanno incrementato questo aspetto che era già insito nel mio lavoro.



Links:
http://italiadautore.blogspot.com/2012/07/caterina-davinio-il-libro-delloppio.html